Il progetto

La Svizzera nello specchio del mondo è un progetto dell’Università di Friburgo, Domaine Histoire des sociétés modernes et contemporaines, e di eikonEMF - art et communication, sostenuto da Pro Helvetia. L’obbiettivo è quello di mettere in luce la dimensione culturale della presenza svizzera nel mondo.

La politica culturale estera

La politica culturale della Svizzera all’estero si sviluppa nei primi decenni del XX secolo. Affidata a Pro Helvetia e ad altre istituzioni, è incentrata su esposizioni d’arte, concerti, promozione di libri e film, e accoglienza di personalità straniere. La cultura completa così la presenza svizzera nel mondo, occupata fino ad allora quasi esclusivamente dal settore economico e turistico.

Lo sapevate che...

Nel 1990 Etienne Barilier partecipa come borsista di Pro Helvetia al programma Swiss writer-in-residence presso la University of Southern California. Questo soggiorno ispirerà il romanzo Un rêve californien. Creato nel 1978, il programma accoglie numerosi scrittori svizzeri fino alla fine degli anni Novanta.

recente

La “seconda via” per i paesi del Terzo Mondo

da 1970 a 2000

È nella natura stessa dei musei etnografici partecipare alle relazioni culturali di un paese.

Gli Svizzeri all’estero al servizio della promozione culturale del paese

da 1916 a 1976

La Svizzera è stata per anni una terra d’emigrazione, i cui abitanti lasciavano il paese soprattut

La Commissione nazionale svizzera per l’UNESCO, uno strumento delle relazioni culturali

da 1949 a 2016

Con la sua adesione all’UNESCO nel 1949, la Svizzera si integra non solo in una delle agenzie spec

Rousseau, Swiss Made

da 1945 a 1968

Figura posta spesso in primo piano per rafforzare l’immagine di una Svizzera alpestre, di una Sviz

Una finestra per la cultura svizzera in Giappone

da 1950 a 1970

Le esposizioni di libri sono molto apprezzate in Giappone, e gli editori elvetici partecipano dive

Quando un giovane storico pensa alla promozione culturale della Svizzera

1946

Pro Helvetia è stata costituita nel 1939 allo scopo di contribuire alla difesa spirituale del paes

Gli architetti disegnano i piani delle prime relazioni culturali tra la Svizzera e la Germania dopo la Seconda Guerra mondiale

1945

Dopo la guerra, la questione delle relazioni culturali con la vicina Germania rappresenta un tabù

Gli inizi del Padiglione svizzero alla Città internazionale universitaria di Parigi

da 1925 a 1933

A cavallo tra la diplomazia culturale e la diplomazia scientifica, il Padiglione svizzero alla Cit

Pro Helvetia, gli uomini… e le donne!

da 1939 a 2012

Pro Helvetia è in origine un consiglio di fondazione di venticinque persone, accompagnate da un se

La cultura e l’educazione per la pace

1946

«Poiché le guerre hanno origine nello spirito degli uomini è nello spirito degli uomini che si deb